LA PASTASCIUTTA DI LILLI E IL VAGABONDO

Ve lo ricordate tutti lo spaghettino alle polpettine di Lilli e il Vagabondo? La storia degli spaghetti meatballs ha un’origine particolare. Gli americani, come si può notare nel cartone animato, dicono che questo piatto è assolutamente di origine italiana.Io personalmente non so chi ha inventate per primo questo sugo.

Una mia cara amica, di origini pugliesi, lo chiama “Il sugo intelligente” e, quando lo faceva lei, eri sazio tutto il giorno. A casa mia, quando ero piccola, mia madre non lo ha cucinato spesso. La cosa certa è che probabilmente questo piatto, veniva preparato in tempi di guerra dalla gente che aveva bisogno di cibo nutriente per sopravvivere alla fame.

Qui per voi, ho preparato una versione della mia pasta alla “Lilli e il vagabondo”

Ingredienti per 4 persone

400 g di spaghetti
200 g di carne trita di manzo e di maiale
50 g di mortadella
30 g di parmigiano grattugiato
Un tuorlo d’uovo
80 g di pangrattato
Sale
Pepe
Farina q.b.
Mezza cipolla
Uno spicchio d’aglio
500 ml di salsa di pomodoro
Olio extravergine d’oliva
Sale

Difficoltà
Tempo

30 minuti

Costo
  • In un mixer mettete la carne macinata, il parmigiano, pangrattato e la mortadella e tritate tutto finemente
  • Aggiustate di sale e pepe e amalgamate bene tutti gli ingredienti
  • Dopo aver ottenuto un impasto con una buona consistenza, create le vostre polpettine che devono essere non più grandi di una noce
  • A parte tritate la cipolla e lo spicchio d’aglio
  • Metteteli in un pentolino con dell’olio e rosolate brevemente
  • A questo punto aggiungete la salsa di pomodoro, aggiustate di sale e cuocete a fuoco lento
  • Nel frattempo infarinate le polpettine e rosolatele in una padella con un filo d’olio
  • Una volta dorate mettetele nel sugo e proseguite brevemente la cottura affinché tutto si insaporisca
  • Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata
  • Scolateli e mantecateli con il sugo e le polpette
  • Impiattate gli spaghetti mettendo abbondante sugo, le polpette e guarnendo con foglie di prezzemolo.
Commenti